JpegSono stati tre giorni intensi, quelli che ci hanno visto partecipare all’VIII edizione del Festival Francescano. Una grande opportunità per i tanti visitatori che ci sono venuti a trovare ai nostri stand ed alla Show Conference.

 

A distanza di qualche giorno incontriamo Elisa Zavoli, dallo stand della Mediazione Sociale, che ci racconta: “Abbiamo cercato di dimostrare come il conflitto, esperienza difficile e di lontananza tra le persone, possa, attraverso un percorso di mediazione, portare benefici e, in tanti casi, anche ad una dimensione di riconciliazione”. Dall’esperienza del settore edile, il geom. Marco Toni ci spiega: “Abbiamo raccontato, attraverso Legno Sinergia, la passione nella costruzione di una casa che non è solo un luogo dell’Abitare, ma specialmente un luogo del Vivere”. Per lo stand dell’editoria troviamo Michele Amato, il quale aggiunge: “Abbiamo presentato Momenti Francescani a molte persone. Il nostro intento è fornire uno strumento quotidiano di attualizzazione della Parola”.

Spostandoci all’oratorio s. Filippo Neri, sabato 24 ci siamo incontrati con amici vecchi e nuovi per affrontare un difficile tema: “La mediazione sociale e del conflitto come strumento del perdono”. Il gruppo NODI playback theatre ci ha accompagnato nell’esplorazione emozionale di ciò che è emerso.

Siamo stati incoraggiati, da Elvio Raffaello Martini, ad usare e diffondere la mediazione a più persone possibili, fin dalle scuole e nei condomìni. Francesca Corrado ha dimostrato, attraverso una ricerca dedicata, come la mediazione possa essere uno strumento per il risanamento professionale e relazionale, di conseguenza apportare benessere e migliorare la performance personale. Siamo stati coinvolti, da Massimiliano Muggianu, nelle dinamiche dei nuovi media, che possono essere usati per la mediazione di idee tra persone.

Grazie a tutti per la sentita e sincera partecipazione. Vi aspettiamo l’anno prossimo per la IX edizione, sempre a Bologna, con un nuovo tema: il futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *